Klan.IT sviluppa la piattaforma "Territorio e Giustizia online"

In occasione della “Giornata Europea della Giustizia Civile” è stato presentato e sottoscritto, al Tribunale per i Minorenni di Brescia, il protocollo operativo per i flussi informativi tra Azienda Sociale del Cremonese, il Tribunale per i Minorenni di Brescia e l’Azienda Sanitaria Locale di Cremona...
Klan.IT sviluppa la piattaforma Territorio e Giustizia online

In occasione della “Giornata Europea della Giustizia Civile” è stato presentato e sottoscritto, al Tribunale per i Minorenni di Brescia, il protocollo operativo per i flussi informativi tra Azienda Sociale del Cremonese, il Tribunale per i Minorenni di Brescia e l’Azienda Sanitaria Locale di Cremona.
 
Il testo, siglato dall’assessore al Welfare Mauro Platè, in qualità di presidente dell’Azienda Sociale del Cremonese, dal presidente del Tribunale dei Minori Maria Carla Gatto, dal Procuratore Emma Avezzù e dalla direttrice sociale dell’ASL Paola Mosa, è stato presentato come buona prassi di integrazione tra vari soggetti della Pubblica Amministrazione e come risultato del progetto “Territorio e Giustizia online” finanziato da Regione Lombardia.
Il progetto era infatti finalizzato principalmente a semplificare e velocizzare l’iter amministrativo dei procedimenti che riguardano i minori e facilitare la collaborazione, la condivisione e lo scambio delle informazioni e dei documenti fra gli uffici del Tribunale e tutti gli altri uffici esterni coinvolti in un procedimento (Servizi Sociali, Sert, Comuni).
 
Il sistema, realizzato grazie al supporto tecnico della società klan.IT, consentirà l’archiviazione elettronica dei documenti, la ricerca, la consultazione, la riproduzione e la distribuzione secondo regole predefinite.
Le informazioni e i documenti saranno gestiti in ambienti sicuri ed accessibili solo agli utenti autorizzati che si autenticheranno attraverso il sistema messo a disposizione da un apposito portale.
 
“Instaurare e rafforzare buone prassi per l’integrazione tra vari soggetti diventa un tema prioritario da perseguire anche con l’introduzione di nuovi strumenti finalizzati alla razionalizzazione ed al miglioramento del sistema procedurale”, è il commento dell’assessore al Welfare Mauro Platè, che aggiunge: “Se pensiamo a provvedimenti che riguardano la tutela del minore o all’istituto dell’amministratore di sostegno ci si rende conto che istituzioni diverse sono chiamate ad intervenire in modo sinergico specialmente nell’ambito del disagio sociale, per garantire una pronta risposta alle istanze di giustizia”.